Come sfruttare le potenzialità del catalogo Shopping su WhatsApp

Piccole attività, professionisti e persino e-commerce potrebbero avere a disposizione uno strumento incredibile a disposizione. Ma come sfruttarlo al meglio?

Shopping in WhatsApp Business

Quando si parla di Social Media in generale, difficilmente si tende a considerare WhatsApp, “chissà perché” mi sono sempre chiesto. Eppure dati alla mano, parliamo di uno strumento che ha 2,5 miliardi di utenti attivi nel mondo, solo in Italia sono circa 32 milioni di persone (oltre la metà della popolazione!), gli unici a resistergli sembrano essere gli utenti Asiatici.

Fatta questa doverosa premessa, mi potrete capire quando dico che inspiegabilmente viene trattata come una semplice app di messaggistica, quando in realtà non ha niente in comune con l’ormai antico uso che abbiamo fatto degli SMS. Su WhatsApp circolano link relativi a contenuti, file multimediali audio, video e foto senza considerare l’integrazione con YouTube.

Ma veniamo al dunque, vediamo come l’integrazione del catalogo in WhatsApp Business può diventare una rivoluzione per le piccole attività, per i professionisti ed anche per chi dispone di un negozio online.

il pulsante Shopping su WhatsApp Business per le attività al dettaglio

Per le piccole attività sarà uno strumento indispensabile.

Il commercio al dettaglio è sicuramente una delle categorie più colpite degli ultimi anni, sia per la diffusione sempre più estesa del commercio elettronico, sia per il cambiamento delle modalità d’acquisto degli utenti, a partire da quelli più giovani.

Il modo migliore per non essere penalizzati è adeguarsi ai tempi ed offire i propri prodotti sia al dettaglio che online, integrando le strategie di vendita. Purtroppo tantissime attività ancora oggi, sono rimaste letteralmente al palo ed uno strumento così semplice da utilizzare, pronto all’uso in pochi minuti, da offrire ai propri clienti, non poteva arrivare in momento più opportuno. Ma come sfruttarlo?

  1. Ovviamente crea un account WhatsApp Business se ancora non lo hai attivato, ti basterà scaricare l’omonima applicazione e seguire le indicazioni per il passaggio.
  2. Compila le informazioni presenti nella sezione “profilo dell’attività” all’interno della voce “impostazioni”.
  3. Crea il tuo “catalogo“, potrai scegliere un’immagine per ogni prodotto aggiunto e compilare i campi relativi a: nome dell’articolo, prezzo, descrizione del prodotto, link (se hai uno store online) e codice dell’articolo.

Una volta pubblicato il tuo catalogo, questo sarà visibile da tutti i tuoi clienti. Infatti accedendo alla chat, visualizzeranno un’icona a forma di bancarella accanto al nome della tua attività, che gli permetterà di visualizzare il tuo catalogo e richiedere informazioni.

anteprima whatsapp business shopping

Un buon inizio, se non potete permettervi di inserire l’intero catalogo dei prodotti in vendita, potrebbe essere qullo di inserire le categorie acquistabili presso il vostro negozio, selezionando dei prodotti a campione ed inserire singolarmente prodotti in offerta, ultimi arrivi e novità per stimolare la curiosità dei vostri clienti. Un ulteriore suggerimento, potrebbe essere quello di condividere oppure stampare il QR code presente alla sezione:

impostazioni > strumenti attività > link diretto 

e renderlo disponibile all’interno della vostra attività, sollecitando i clienti ad aggiungere il vostro numero scansionando il codice (magari offrendo sconti dedicati su alcuni prodotti presentati nel cataologo WhatsApp). Vi garantirete un canale diretto con i vostri clienti e la possibilità di aggiornarli sulle ultime novità o promozioni.

Vuoi lavorare con me?

Ti offro una consulenza gratuita di 15 minuti per parlare insieme del tuo progetto

il pulsante Shopping su WhatsApp per i professionisti

Tutte le indicazioni presentate per i negozi al dettaglio, sono facilmente replicabili anche per i professionisti cho offrono servizi.

Potreste proporre a catalogo le tariffe orarie per le consulenze, per gli interventi a domicilio, oppure mostrare semplicemente una raccolta dei servizi offerti. In quest’ultimo caso, sarebbe opportuno spingere gli utenti, tramite il link, ad accedere a landing page dedicate per ogni servizio offerto.

Inoltre potreste pensare di utilizzare le liste broadcast per aggiornare tutti i vostri clienti sulle ultima novità presentate all’interno del catalogo. Nel caso di servizi in ambito digital e finanziario ad esempio, sfruttare il canale come tramite al sito sarà sempre la soluzione migliore.

il pulsante Shopping di WhatsApp per gli E-Commerce

Qui si apre un mare di possibilità.

Integrare il tasto WhatsApp per l’assistenza clienti all’interno degli shop online è pratica già diffusa da tempo. Spesso veniva preferito l’utilizzo di Facebook Messenger per tanti motivi che non starò qui ad elencarvi, ma adesso le cose potrebbero cambiare sensibilmente.

Riuscire a rendere disponibile il catalogo prodotti su WhatsApp, così come già avviene su Facebook ed Instagram, potrebbe essere davvero un elemento di svolta. Certo, sarà necessario organizzare i prodotti e pensare a come presentarli, magari tornando al discorso relativo alle categorie raccontato qualche riga sopra, oppure inserendo solo una selezione di prodotti, penso ai più venduti o alle offerte speciali, in modo che i clienti che già vi conoscono non debbano sfogliare raccolte infinite. 

Anche in questo caso, aggiungere i clienti a liste broadcast per aggiornarli sulle novità a catalogo e permettergli di visualizzarle direttamente in app, potrebbe diventare un’opportunità di vendita enorme.

Insomma, l’arrivo del catalogo in WhatsApp mette in allerta un po’ tutti, quanto tempo impiegheranno le persone prima di aspettarsi che tutte le attività presentino i propri prodotti in un catalogo WhatsApp Business? Sfrutta l’occasione immediatamente.

A presto!

Gli ultimi articoli dal Blog

Il ruolo delle App messaggi nel 2021

Il ruolo delle App messaggi nel 2021

Le App di messaggistica, appena varcata la soglia del 2021, ci pongono di fronte ad un bivio. Tu da che parte stai, meglio la diffusione dello strumento o la privacy?